La scorzeta del limon
Commedia di Gino Rocca

     

Giacomo ha perso tutto dalla vita.
Nessuno più lo rispetta in famiglia: la moglie lo ricatta, i figli lo trattano senza riguardo ed è umiliato persino dalla domestica.
E tutto questo per un'avventuretta con una ballerina di teatro.
L'amico Nane comprende la situazione e con una trovata risolve il problema.
L'errore dopotutto è stato quello di arrendersi alla moglie e peggio ancora di rinunciare a tutto, in segno di espiazione perpetua.
È sufficiente una lettera, scritta da Nane, che inevitabilmente la moglie leggerà per prima, per far crollare quel castello di carta e far uscire Giacomo dalla prigione in cui lui stesso si era confinato.

Questo sito utilizza cookie propri e di altri siti per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se scegli di proseguire nella navigazione, esprimi il consenso all'uso dei cookie. Seguendo l'apposito link potrai accedere alla nostra cookie & privacy policy. Continua a leggere.

Accetto i cookie da questo sito e